Sabato, 29 Ottobre 2016 09:56

Storia di Eleonora In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(8 Voti)

Un pomeriggio come tanti, il cellulare squilla, è una chiamata dal Centro di Aiuto alla Vita: “abbiamo ricevuto una telefonata urgente dall’ospedale (*),  c’è una ragazza che vorrebbe sapere cosa possiamo fare per lei. Te la senti di parlarci tu?”
Mi reco al reparto di ostetricia e ginecologia.
Lì incontro Eleonora. E’ bella, giovane, dagli occhi profondi ma spenti. Ha la cannula nel braccio perché ha già fatto la pre-ospedalizzazione e di lì a qualche ora entrerà in sala operatoria per l’intervento di interruzione volontaria della gravidanza.
Vicino a sé ha i suoi due bimbi piccoli e Carlo, il padre dei bambini.
Iniziano a raccontarmi di ciò che stanno passando in questo momento della loro vita.
Si sentono soli, troppo giovani per avere un terzo figlio, hanno entrambi circa vent’anni e avevano già faticato ad accettare un secondo bambino… ma per il terzo in arrivo, del tutto inaspettato, come faranno???
Eleonora non ha nemmeno la sua mamma, è stata abbandonata quand’era piccola.
Il suo papà invece c’è, ma a stento riesce a racimolare qualche soldo per tutta la famiglia vendendo saltuariamente frutta e verdura al mercato cittadino e di certo non potrebbe aiutarla con un terzo nipote.
Anche Carlo lavora sporadicamente, in nero, anche perché ha solo la quinta elementare.
Eleonora ha lasciato la scuola a sedici anni e sogna un giorno di poter lavorare, chissà, magari come parrucchiera… così potrebbe mandare avanti la famiglia.
Li ascolto a lungo e osservo i loro visi che, sebbene stanchi e vissuti a causa delle amarezze della vita, tradiscono la loro giovane età. Dico loro che non sono più così soli, che da ora ci siamo noi del CAV a stargli vicino, ma soprattutto che potremmo aiutarli concretamente.
I loro visi iniziano a distendersi, a tratti sono dubbiosi, diffidenti, quasi come se non volessero crederci. Loro, che sono sempre stati abbandonati da tutti e che sono di fatto lasciati a loro stessi intravedono un barlume di speranza per il loro bimbo.
Potranno avere pannolini per il piccolo in arrivo e anche per il fratellino che ne ha ancora bisogno, un corredino, vestitini, un trio, una baby-sitter che la possa aiutare nell’accudimento dei figli e, dopo il parto, Eleonora potrà frequentare un corso professionale di parrucchiera, che rappresenta quello che lei ha sempre sognato di fare, affinché possa così essere indipendente economicamente per poter mandare avanti la famiglia.
Anche se il progetto suscita interesse nei ragazzi, specialmente in Carlo, Eleonora è molto provata e deve riflettere in questo pochissimo tempo.
Li abbraccio di cuore, mi ringraziano e vado via, non sapendo quale sarà la loro decisione.
Il mattino seguente Eleonora mi chiama e mi dice che non ha varcato la porta della sala operatoria, ma vuole varcare quella del CAV per firmare il progetto pensato per lei e dire un grande Sì alla Vita: anche il suo terzo bimbo nascerà!

Veronica
operatrice CAV Uno di Noi

* il CAV Uno di Noi è una onlus regolarmente convenzionata con la ASL 8 di Cagliari.

Letto 1259 volte Ultima modifica il Sabato, 29 Ottobre 2016 10:05
Altro in questa categoria: « Storia di Federica

Storia di Eleonora

Storia di Eleonora

Un pomeriggio come tanti, il cellulare squilla, è una chiamata dal Centro...

Storia di Federica

Storia di Federica

Condividiamo volentieri con tutti voi questa bella testimonianza regalataci dall...

Storia di Serena

Storia di Serena

Una madre qualunque*. Una madre qualunque rischia tutto per i suoi figli, di fr...

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTERS
PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOSTRE INIZIATIVE!